Taste boutique Novotel

Sabato sera abbiamo cenato alla Taste Boutique dell’hotel Novotel (zona Niguarda), approfittando di una strepitosa offerta, lo sconto del 30% sul conto prenotando con l’app TheFork, da cogliere al volo quando se ne trovano perché sono rarissimi per i ristoranti che fanno cucina senza glutine.

Il ristorante appartiene al circuto AFC dell’aic, e per quanto riguarda la scrupolosità riguardo alla sicurezza non posso che dirne bene. 

Ma partiamo dall’inizio: la sala è elegante, il giusto, senza quell’eccesso che intimorisce. L’accoglienza è ottima ed il personale molto gentile. 

Prima nota dolente: il menu senza glutine è veramente scarno rispetto alle proposte “normali”: solamente tre antipasti, tre primi, tre secondi e due dolci. La situazione peggiora se si considera che tra le scelte ce ne sono alcune veramente poco degne di considerazione come la pasta al sugo (che però ci sta, siamo in un hotel, è un’alternativa semplice per chi soggiorna con bambini).


La sensazione generale rispetto all’offerta senza glutine è che lo sforzo per la costruzione del menu sia stato davvero minimo: sulla carta “normale” ci sono proposte che potrebbero essere facilmente servite senza glutine. Odio fare questo discorso perché mi rendo conto che come base abbia una certa faciloneria: non ci è dato sapere le motivazioni per cui certe scelte vengono fatte, sicuramente per garantire all’ospite la massima sicurezza e pertanto sono le più corrette in assoluto. Però, accidenti, uno sforzino in più gli gioverebbe sicuramente.

Seconda nota dolente: il tempo di attesa: INFINITO. Per l’antipasto abbiamo dovuto attendere circa tre quarti d’ora, un’ulteriore mezz’ora abbondante per ricevere il primo. È stato logorante ed ingiustificabile perché la sala non aveva così tanti commensali. Stando a quanto ho letto, il nostro non è stato un caso isolato.

E adesso arriviamo al cibo. Doverosa premessa: io ho mangiato bene, ma forse non posso dire lo stesso per i miei commensali. Ho fatto le scelte migliori, mentre le persone che erano con me non sono state altrettanto soddisfatte.

Per antipasto ho scelto una burrata con acciughe ed olive, buona ed equilibrata. Come primo, davvero davvero ottimo, risotto al limone con gamberi.Era veramente perfetto: leggero ma gustoso, con la nota di limone ben dosata. 

Il dolce senza infamia e senza lode, un minuscolo tortino di zucca adagiato in un piattone che lo faceva sembrare ancora più piccino.

Come vi dicevo in precedenza, ai miei amici non è andata benissimo. Tra i piatti che sono piaciuti di meno: un antipasto a base di polpo (con una consistenza durissima) e un secondo che aveva un nome mirabolante e che poi è risultato essere una frittata nemmeno troppo buona.

Queste sono le premesse e mi rendo conto che non siano super positive: non ci tornerei, è stata una delusione sotto tanti aspetti, ma il risotto mi ha davvero salvato la serata. Al limite, ora sapete tutto, andateci preparati, gustatevi un risottino e via. Tutto questo ovviamente solo se prenotate con Thefork ed ottenete lo sconto (che in alcuni giorni arriva fino al 50%), altrimenti non ne vale proprio la pena. 

Taste Boutique ha tanto potenziale, ma se vuole emergere dalla realtà dei ristoranti da hotel deve fare un passo avanti e correggere questi errori, altrimenti può rassegnarsi a rimanere nel limbo. 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...